Quartetto al femminile in concorso alla 77/a edizione del Festival di Cannes: un’analisi delle protagoniste femminili

Quartetto Al Femminile In Conc

Quartetto al femminile in concorso alla 77/a edizione del Festival di Cannes: un'analisi delle protagoniste femminili - Horrormania.it

Una panoramica sul Festival di Cannes

Il Festival di Cannes della 77/a edizione presenta un interessante quartetto di registe al femminile, se confrontato con le sette presenze dell’anno precedente. Quest’anno, la competizione offre spunti intriganti e stimolanti, spaziando tra tematiche come l’ossessione della televisione, la realtà della periferia inglese, la quotidiana routine di un’infermiera a Mumbai e un suggestivo body horror. Le registe si cimentano in narrazioni intense e profonde, promettendo un’esperienza cinematografica coinvolgente per il pubblico.

Agathe Riedinger e il suo debutto con “Wild Diamond”

La regista esordiente Agathe Riedinger presenta “Wild Diamond”, un film che pone al centro dell’attenzione il mondo della televisione. Definita da Fremaux come “la nipotina dei fratelli Dardenne”, Riedinger si distingue per la sua capacità di dare voce a storie intense e emozionanti. La trama ruota attorno a Liane, interpretata dalla giovane Malou Khebizi, una diciannovenne che vive con la madre e la sorella minore a Fréjus. Attratta dalla bellezza e dalla ricerca di accettazione, Liane vede nei reality televisivi un’opportunità per essere amata e riconosciuta. La sua vita prende una svolta significativa quando supera il casting per “L’isola dei miracoli”, un noto programma televisivo che cambierà irrimediabilmente il corso del suo destino.

Andrea Arnold e il ritorno con “Bird”

La regista britannica Andrea Arnold, vincitrice tre volte del Premio della Giuria a Cannes con i film “Red Road”, “Fish Tank” e “American Honey”, torna sul grande schermo con “Bird”. Arnold esplora le atmosfere della periferia inglese, un territorio che conosce e racconta con maestria. La storia si concentra su Bailey, interpretata da Nykiya Adams, una dodicenne che vive con il fratello Hunter e il padre Bug, interpretato da Barry Keoghan. In una casa precaria nel Kent settentrionale, Bailey cerca affetto e avventure mentre il padre si impegna verso altri orizzonti. Il cast include talenti come Franz Rogowski e Nykiya Adams, promettendo performance intense e coinvolgenti.

Copyright ANSA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *