Luoghi spettrali da visitare a Roma: la TOPLIST DI HORRORMANIA

La Città Eterna offre incanto in ogni stagione dell’anno, ma alcune, come la primavera e l’autunno, svelano colori e temperature ideali per passeggiate serene. Basta un abbigliamento adatto, un giaccone e scarpe comode, magari eleganti come le Hogan, per intraprendere questa avventura. Ecco cinque luoghi insoliti che chi ha già visitato Roma o ne conosce già i dettagli dovrebbe assolutamente scoprire, arricchendo la propria esperienza.

 

Cripta dei Cappuccini in via Veneto

Un gioiello poco noto, ma straordinariamente suggestivo. Costruita per Papa Urbano VIII tra il 1626 e il 1631 in onore di Antonio Barberini, membro dell’ordine cappuccino, questa cripta ospita opere d’arte di Guido Reno e Domenichino. La sua peculiarità sta nell’atmosfera inquietante e spettrale creata dalla decorazione con le ossa e i teschi di 4000 monaci. L’imponente scritta “Quello che voi siete noi eravamo, quello che noi siamo voi sarete…” accoglie i visitatori, mentre teschi e scheletri adornano le pareti insieme a saii e croci. Una tappa sinistra ma affascinante da sperimentare almeno una volta nella vita.

Street Art a Ostiense

Ostiense, quartiere popolare a sud di Roma, è rinomato per la sorprendente street art di artisti di calibro. Il Guardian l’ha recentemente nominato uno dei 10 quartieri più trendy d’Europa. Passeggiando tra le sue vie, si scoprono interi edifici dipinti. Tra i punti salienti c’è il celebre Wall of Fame di JB Rock, raffigurante artisti, scrittori e musicisti.

La Centrale Montemartini

Sempre a Ostiense, la Centrale Montemartini offre una mostra singolare. Qui, statue marmoree di epoca greco-romana si mescolano a macchinari moderni da centrale elettrica, creando un’atmosfera unica. Questo contrasto tra antico e moderno rende la visita affascinante, consentendo agli ammiratori di apprezzare opere d’arte di pregio in una cornice insolita.

Passeggiata del Gelsomino

La Passeggiata del Gelsomino è un’insolita attrazione: una vecchia ferrovia dismessa che collegava l’Italia allo Stato del Vaticano. Ora trasformata in una passeggiata, offre una prospettiva unica sulla cupola di San Pietro, e permette di camminare sui tetti delle case. Un luogo affascinante e romantico da scoprire, specialmente durante l’autunno.

Quartiere Coppedé

Per gli amanti dell’Art Nouveau, il Quartiere Coppedé è un tesoro nascosto. Chiamato così dall’architetto che avviò i lavori nel 1915, questo quartiere evoca atmosfere da film horror, con abitazioni che ricordano castelli infestati. Un luogo suggestivo, da esplorare passeggiando tra case e ammirando la Palazzina del Ragno e la Villa delle Fate.

 

La bellezza di Roma si cela non solo nei luoghi più celebri, ma anche nei quartieri meno noti. Scoprire queste gemme nascoste arricchisce l’esperienza di chi visita la città eterna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *