Un tributo a Sofia Coppola e al suo capolavoro “Il giardino delle vergini suicide”

Un Tributo A Sofia Coppola E A

Un tributo a Sofia Coppola e al suo capolavoro "Il giardino delle vergini suicide" - Horrormania.it

Introduzione
Sofia Coppola, all’epoca del 1999 a soli 27 anni, fece il suo esordio al Festival di Cannes presentando il film “Il giardino delle vergini suicide“. Il restauro in 4K realizzato da Criterion con la supervisione del direttore della fotografia Ed Lachman porta ora questo capolavoro nelle sale italiane grazie alla Cineteca di Bologna e al progetto Il Cinema Ritrovato.

Il viaggio di Sofia Coppola nell’adattamento cinematografico
Sofia Coppola, all’età di 27 anni, si immerse nel romanzo omonimo di Jeffrey Eugenides, da cui trasse la sceneggiatura per il film. Con il supporto della Muse Productions e del padre Francis Ford Coppola, Sofia riuscì a girare il film in totale indipendenza. “Il giardino delle vergini suicide“, interpretato da un cast stellare tra cui Kristen Dunst, Kathleen Turner, James Woods e Danny De Vito, narra la storia commovente di cinque sorelle che decidono di togliersi la vita in un misterioso suicidio collettivo, all’interno di una famiglia fragile e opprimente, in un’America degli anni Settanta dalla luce quasi surreale.

La mappa della giovinezza femminile tracciata da Sofia Coppola
Attraverso “Il giardino delle vergini suicide“, Sofia Coppola inizia a delineare il suo interesse per l’esplorazione della gioventù femminile, un tema che rimarrà centrale nella sua filmografia. La colonna sonora del film, curata dagli AIR, contribuisce a creare un’atmosfera unica e suggestiva, che si fonde perfettamente con l’immaginario visivo della regista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *